8 Febbraio 2020 - Mostra di De Nittis a Ferrara (posti esauriti)

Un viaggio velocissimo … in treno !

La mostra di De Nittis al Palazzo dei Diamanti di Ferrara ci ha indotto a cogliere l’occasione per tornare in una città piacevole e accogliente.
Il viaggio è libero e ognuno può scegliere il treno che vuole; l’importante è trovarsi alle ore 11 alla Stazione di Bologna pronti per iniziare il nostro tour alla scoperta della città.
Nel tardo pomeriggio prenderemo un treno che ci porta a Ferrara.
Se siamo fortunati avremo pure un assaggio della famosa nebbia padana! ?
Purtroppo i lavori di restauro del Duomo di Ferrara andranno ancora per le lunghe; ci rifaremo con il castello, simbolo della grandezza della famiglia D’Este. Un percorso suggestivo tra torri  e  saloni affrescati.
Naturalmente non mancherà la mostra di De Nittis: siamo qui per questo no?
Pittore pugliese si forma a Napoli alla cosiddetta scuola di resina e fa parte di quei pittori che porteranno a Firenze, nel gruppo nascente dei macchiaioli, quella ventata di naturalismo che contribuirà alla crescita del gruppo.
De Nittis è uno degli italiani che, trasferitosi a Parigi, si affermerà nel mondo degli impressionisti.
Tra i grandi nomi come Monet, Degas ecc. nella Parigi di fine ‘800 Giuseppe De Nittis spiccava per talento, vita mondana e fortuna critica.
Purtroppo morirà troppo presto a soli 38 anni…privandoci di chissà quali e quante meraviglie!


 Sabato 8 Febbraio

Appuntamento ore 11 alla Stazione di Bologna

Andremo alla scoperta della Bologna dei canali.  Ebbene sì, Bologna aveva un sistema idraulico artificiale che la collegava al Po favorendo i trasporti e quindi rendendola ricca.
Passando per le due torri arriveremo all’Archiginnasio costruito per raggruppare le varie sedi universitarie.
Piazza Maggiore con la basilica di San Petronio che doveva essere la più grande del mondo ma fu interrotta!
Iacopo della Quercia, il Vignola, Michelangelo, Lorenzo Costa, Parmigianino, sono alcuni grandi artisti che vi hanno lavorato.
Termineremo con una cisterna:  un luogo particolare che serviva per alimentare la fontana del Nettuno.
Alla Stazione di Bologna prenderemo il treno per Ferrara.
Sistemazione in Hotel a Ferrara e cena in Ristorante

 


Domenica 9 Febbraio
Sveglia nella brumosa Ferrara.
Visiteremo il castello, simbolo della città.
Da struttura medievale di difesa a simbolo di ricchezza e potere si presenta, con le sue molteplici torri  altane e balconi, come il polo attrattivo di tutto il centro.
Completerà la visita una passeggiata per il centro alla scoperta della storia e degli angoli più suggestivi.Pranzo libero.
A seguire la mostra di De Nittis .
Palazzo dei Diamanti è famoso per le sue mostre sempre eccellenti e ben organizzate: quella di De Nittis non è da meno!  Dai primi anni quando lavora sul paesaggio all’arrivo a Parigi dove approfondisce il tema del colore e della luce ma sempre mantenendo le distanze dagli Impressionisti.  Poi Londra, l’influenza del giapponesismo e gli ultimi anni con la particolare attenzione alla vita mondana.
Rientro verso Roma

 



 

Il programma potrebbe subire modifiche in corso di svolgimento per motivi organizzativi
Il viaggio sarà confermato al raggiungimento del numero minimo dei partecipanti

 

Quota a persona € 137

 

La Quota comprende

  • Sistemazioni hotel Touring*** a Ferrara
  • Sistema di amplificazione per un migliore ascolto
  • Assistenza  di un accompagnatore da Roma
  • Visite guidata a cura di Giada Rubinato
  • Assicurazione viaggio “Nostop Gruppi” di Europ Assistence

La Quota non comprende

  • Viaggio in treno
  • Supplemento singola: € 20 a notte
  • Bevande a cena al di fuori di quelle previste
  • Pranzi
  • Ingressi (3 € Archiginnasio (BO); 5 € Conserva di Valverde(BO); 6 € Castello Estense (FE); 12 € Mostra De Nittis (FE)
  • Tessera Associativa dell’anno in corso
  • Eventuali mance
  • Assicurazione annullamento viaggio (facoltativa) 8€ / 10€ con supplemento singola
  • Quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”

 

 La prenotazione sarà confermata al versamento dell’Acconto di 50€
L’importo della quota “Assicurazione annullamento viaggio” deve essere versata insieme all’acconto.

L’acconto dovrà essere versato entro il 28 Dicembre 2019
Il saldo dovrà essere versato entro il 15 Gennaio 2020

 

 

2 Comments »

  1. Catherine Desselas ha detto:

    Buona sera Anna Maria

    Come si fa il rientro verso Roma ?
    Cè bisogno prenotare un treno Ferrara – Roma ? Se si verso quell’ora ?
    Non vedo l’ora di vedere questa città e mostra

    Buona serata
    Catherine

    • Anna Maria Gullotti ha detto:

      Ciaooo…manca poco ormai!
      Si puoi prenotare Ferrara Roma.
      So che in molti hanno prenotato verso le 18 per godersi ancora qualche ora della città dopo la mostra.
      Si entra da D Nittis alle 13:30. si terminerà verso le 15.
      C’è da considerare il rientro in Hotel per prendere il bagaglio e poi andare alla Stazione.
      Direi comunque che dalle 16-16:30 in poi va bene.

RSS feed for comments on this post. / TrackBack URI

Lascia un commento

23 Febbraio 2020

Sotterranei a Trastevere: San Crisogono

Sotterranei di San Crisogono

Sotterranei a Trastevere: ogni rione di Roma ha i suoi sotterranei!
Roma offre molteplici esempi di stratificazioni e numerosi reperti che si nascondono sotto gli edifici!
Anche Trastevere ha i suoi sotterranei: una basilica paleocristiana con resti di affreschi e il vano battesimale di una tipologia particolare.  Siamo all’inizio del viale di Trastevere sotto una chiesa costruita prima del 499 e che vanta le 2 colonne in porfido più grandi di Roma, pavimento cosmatesco e catino absidale dell’ambito del Cavallini: si tratta di San Crisogono.

 

 

Leggi tutto

29 Febbraio 2020

I misteri dell’ Eur: Passeggiata esoterica

I misteri dell'Eur

I misteri dell’Eur.
La passeggiata esoterica ci farà scoprire le origini e lo sviluppo del quartiere progettato per l’Esposizione Universale del 1942.
l’Eur nasconde importanti riferimenti simbolici al tradizionalismo pagano e alle correnti esoteriche dell’epoca fascista. Dal Palazzo dei Congressi al Palazzo della Civiltà Romana, centri di originale elaborazione architettonica, volumi, spazi e luce svelano la metafisica dell’incompiuto.

 

Leggi tutto

1 Marzo 2020

Ostia antica con biglietto d’ingresso gratuito (prima parte)

Ostia antica Termopolium

Ostia antica, la “Pompei del Lazio”
Percorrendo il cardo e il decumano si potranno ammirare diversi templi, il teatro,  i magazzini e le botteghe, ma anche curiosità come le latrine. Si possono ancora scorgere i resti della piazza attorniata dal portico scandito da colonne di granito e marmo grigio, il tutto immerso nella verdeggiante macchia mediterranea e ombreggiato da pini secolari.
Ostia antica conserva bellissimi mosaici in bianco e nero raffiguranti Nettuno ed Anfitrite nelle Terme di Nettuno.
Capiremo come funzionava una fullonica e arriveremo fino al quartiere delle insulae dove la casa di Diana si mostra integra e in tutto il suo splendore.
Il Thermopolium  è molto ben conservato e mantiene ancora il bancone e le postazioni per consumare cibi e bevande.

 

Leggi tutto

1 Marzo 2020

Ostia Antica… questa sconosciuta! (Dal Foro alla Sinagoga)

Ostia antica

Ostia antica…parte seconda!
Seguendo il Decumano Massimo oltre il Foro, si può scoprire una parte di Ostia che pochi conoscono. Passeggiando verso Porta Marina si scopriranno Domus, Insulae, la Schola di Traiano, ma soprattutto si potrà scoprire il cuore “internazionale” di Ostia dove diverse culture e religioni convivevano pacificamente e quindi potremo ammirare Mitrei, Templi, una Sinagoga e una Basilica cristiana.
Si consiglia scarpe comode.

Leggi tutto

7 Marzo 2020

I Sotterranei di San Clemente

Una visita da non perdere per chi ama la Roma sotterranea: sotto la chiesa attuale troviamo la chiesa precedente del IV secolo con pitture del XI secolo che rappresentano le storie di San Clemente e di Sant’Alessio e, sotto ancora, un edificio romano ed un santuario dedicato al dio Mitra. La basilica invece ci accoglie con il suo splendido mosaico e la Schola Cantorum che reimpiega diversi frammenti provenienti dalla chiesa inferiore.

Leggi tutto

8 Marzo 2020

Gli Oratori del Celio

Oratorio di Santa Barbara

Gli Oratori del Celio appartengono a quella categoria di luoghi difficilmente visibili.
Si trovano accanto alla chiesa di S. Gregorio e fanno parte del monastero che Gregorio Magno costruì sull’antica villa paterna. L’antico monastero e la chiesa annessa subirono nei secoli varie trasformazioni e nel ‘600 vennero aggiunti  gli oratori  dedicati a Sant’Andrea, Santa Barbara e Santa Silvia. Come molti oratori a Roma nascondono all’interno veri capolavori pittorici: nel nostro caso affreschi del Domenichino, Lanfranco, Pomarancio e Guido Reni.

 

Leggi tutto

9 Marzo 2020

Il convento delle Oblate di Santa Francesca Romana (aperta solo il 9 Marzo)

Il Convento delle Oblate fu fondato nel 1433 da Santa Francesca Romana, inglobando la torre ‘degli specchi’.
E’ qui che la Santa venne a vivere insieme ad un gruppo di donne che la seguivano nella sua opera di carità verso i poveri.
Francesca Romana nonostante la sua vocazione fu costretta a sposarsi giovanissima e dette al marito 3 figli di cui solo uno sopravvisse.
Il 9 Marzo del 1440 morì a Trastevere dove si trovava per assistere il figlio malato.
Vi fu un tale afflusso di fedeli che la chiesa di Santa Maria Nova prese il suo nome e dal 1494, con decreto del Senato, il giorno della sua morte  fu considerato giorno festivo.
Oggi all’nterno del convento troviamo la quattrocentesca Cappella Vecchia e la chiesa della SS. Annunziata, del 1596.
Per accedere al piano superiore si percorre la cosiddetta scala santa affrescata da Antoniazzo Romano.
E’ un luogo chiuso al pubblico e si può visitare solo nel giorno in cui si festeggia Santa Francesca Romana.
Ci sarà la fila ma utilizzeremo il tempo a disposizione per raccontare la storia della Santa e del convento.
All’interno gli spazi sono piccoli e cercano di non far sostare le persone a lungo per cui la maggior parte della spiegazione avviene all’esterno.

Leggi tutto

14 Marzo 2020

I Rosacroce, i Gesuiti e Cristina di Svezia

I Rosacroce, i Gesuiti e Cristina di Svezia

I Rosacroce, i Gesuiti e Cristina di Svezia… qual’è il filo sottile che li lega? 
Lo scopriremo nella nostra visita in u
na storia tutta da decifrare.
Inizieremo dalla piazza del Gesù dove verrà affrontato il legame tra i Gesuiti e i Rosacroce per terminare a Piazza Farnese dove Cristina di Svezia ha abitato.
La giovane Regina, decisamente poco bella ma colta ed estremamente originale  che abbandona il trono e si converte al cattolicesimo  ha dato adito a numerose leggende.  Dopo l’abdicazione al trono sceglie Roma  per trascorrere il resto della sua vita allietandone i salotti e facendo la gioia dei colti intellettuali che trovarono in lei “pane per i loro denti”!
Un percorso fra alchimia, magia e astrologia che ci permetterà, attraverso la lettura di alcuni importanti monumenti, di far luce sul volto segreto di Roma barocca.

 

Leggi tutto

15 Marzo 2020

Raffaello: mostra alle Scuderie del Quirinale (posti esauriti)

Raffaello, mostra alle Scuderie del Quirinale

Le altre date per la visita alla Mostra di Raffaello alle Scuderie del Quirinale sono:
Sabato 21 Marzo: ore 15:15
Domenica 19 Aprile: ore 15:15
Sabato 16 Maggio : ore 15:15
In tutte c’è solo la possibilità di lista d’attesa

 

Leggi tutto

22 Marzo 2020

Un giorno a Casamari e ad Anagni: la città dei Papi

un giorno a Casamari e Anagni

Le abbazie cistercensi sono tutte caratterizzate da uno stile gotico inconfondibile: una struttura “pulita” che rispecchia l’ideale riformistico volto al ripristino della purezza auspicata nella Regola  San Benedetto. La volontà di una vita votata alla povertà e totalmente dedita alla spiritualità ha fatto sì che fossero proibite decorazioni di qualsiasi tipo: era proibito tutto ciò che ostentava ricchezza  ma che d’altro canto  poteva distogliere il monaco dalla preghiera!
L’Abbazia di Casamari fondata nel XII sec. ne è un esempio totalmente integro, dove al di là di qualsiasi credenza, si viene trasportati in una sfera altamente spirituale.
Dopo questa immersione artistico-spirituale ci sposteremo ad Anagni, famosa certamente per lo schiaffo al Papa Bonifacio VIII ma soprattutto per i suoi gioielli artistici.
Un borgo medioevale, una cattedrale in romanico puro e naturalmente la cripta con affreschi realizzati a cavallo del XII e XIII secolo: un unicum per la loro straordinaria qualità, conservazione e completezza del ciclo pittorico.

Leggi tutto

30 Aprile 2020

Parma, Mantova e il fascino della Bassa padana (viaggio confermato, solo lista di attesa)

Parma

 


La Padania… un luogo che non offre solo nebbia  e buon cibo ma è un concentrato di città una più bella dell’altra!
Faremo una full-immersion, toccando solo alcune città: Modena, Parma, Mantova ma anche Sabbioneta, piccolo gioiello rinascimentale e Colorno, la reggia costruita riecheggiando Varseilles.
Cercheremo di prendere il meglio: ammirare i momenti più importanti senza toglierci la gioia di  scoprire piccoli gioielli meno noti.
Abbiamo scelto di alloggiare a Sabbioneta, fuori dal caos della città, dove, dopo una giornata impegnativa , ci si può rilassare assaporando la provincia ma soprattutto gustare la cucina semplice ma veramente buona di una trattoria che nonostante gli anni mantiene tutta la sua genuinità.
Mantegna, Correggio e Parmigianino  ci accoglieranno nella loro terra dove la ricchezza dei  ducati degli Estense, dei Gonzaga e dei Farnese, nonchè il loro mecenatismo ci lasciano opere di straordinaria bellezza.

Giovedì  30 Aprile :  Modena
Venerdì 1 Maggio  :
  Mantova
Sabato  2  Maggio  :  Parma
Domenica 3 Maggio:  Sabbioneta e la reggia di Colorno


Details »

Leggi tutto