3 Novembre 2019 - Caravaggio e la Cripta dei Cappuccini(annullata)

La cripta dei CappucciniLa cripta dei Cappuccini di via Veneto riserva grandi sorprese!
Santa Maria della Concezione è conosciuta a Roma come la chiesa dei Cappuccini: una chiesa semplice, ad una navata, ma che risplende per i capolavori pittorici di Guido Reni, Pietro da Cortona e Domenichino.
Ma ciò che la rende  famosa è la sua cripta decorata con le ossa di almeno 4000 frati.
E’ il Barocco che glorifica la Morte quale chiave di meditazione sulla vita e nella cripta ossario troviamo il trionfo di questo concetto.
Troviamo orologi e farfalle clessidre, tutti simboli legati al trapasso
e dal soffitto pendono lampadari fatti con falangi e coccigi e la decorazione di ogni cappella è caratterizzata dall’uso prevalente di un osso in particolare, così abbiamo la cappella delle tibie, quella dei bacini, quella dei teschi ecc.
La cripta ormai riorganizzata in museo ha anche un ospite d’onore il “San Francesco in meditazione” di Caravaggio

1 commento »

  1. Ester Gosparini ha detto:

    Buon giorno. Vorrei prenotare la visita guidata sabato 25 febbraio pomeriggio alle ore 16 alla cripta dei cappuccini e museo per me e mia madre Bonesi Carla con il coupon “regalo di Natale” da 7 ingressi. Per qualsiasi comunicazione la mia mail è esterjerry@alice.it o telefono 3336602721.
    Buona giornata

RSS feed for comments on this post. / TrackBack URI

Lascia un commento

16 Novembre 2019

Sepolcri di via Statilia (Permesso Speciale)

I Sepolcri di via Statilia sono un complesso di quattro sepolcri allineati scoperto nel 1916, durante i lavori per l’allargamento di Via di Santa Croce in Gerusalemme.
Siamo tra la fine del I sec. a.C. e gli anni iniziali del I sec. d.C. e come spesso accade il luogo funebre ci racconta tanto della vita di chi vi è stato seppellito. Sulle facciate delle tombe si conservano i bassorilievi con i busti dei defunti, decorazioni e iscrizioni con i nomi dei proprietari e le loro disposizioni testamentarie.

Leggi tutto

23 Novembre 2019

Ipogeo di via Livenza (permesso speciale: visita per sole 10 persone)

ipogeoVia Livenza

Ipogeo di Via Livenza: una sorpresa in mezzo alle case!
Collocato in una zona dove i ritrovamenti sono prettamente cimiteriali spicca per non essere legato all’uso funebre. Completamente affrescato ha suscitato immediatamente grande interesse. Sulla datazione gli studiosi concordano, IV sec. d. C., sulla funzione invece il dibattito è aperto. La vasca ha fatto pensare ad un luogo di culto dedicato alle acque come quello in cui si riunivano i seguaci della setta mistica che venerava la dea Cotys. Durante le cerimonie sacre a carattere orgiastico si praticava un bagno rituale in acqua fredda al fine di provocare lo shock dell’estasi.
C’è anche una versione molto più prosaica!

Leggi tutto

23 Novembre 2019

Necropoli ostiense e Basilica di S. Paolo

L’Apostolo Paolo fu sepolto in una necropoli in quanto cittadino romano. La necropoli accanto alla chiesa oltre ad essere famosa per la tomba del Santo testimonia il graduale passaggio dal rito dell’incinerazione a quello dell’inumazione tra il II e il III secolo d.C.
La tomba, meta di pellegrinaggi e preghiere vide una prima chiesetta per poi lasciare il posto alla grande basilica.
I Papi amarono molto questa chiesa, lo dimostra il fatto che  fu costantemente restaurata e abbellita. Notevoli affreschi e straordinari mosaici la rendono grandiosa.
Anche Arnolfo di Cambio nella fine del ‘200 passerà da qui per lasciare uno splendido capolavoro: il ciborio
Il candelabro poi è una meraviglia assoluta, una vera colonna onoraria, ornata tutta intorno da bassorilievi di stile romanico ispirati alla decorazione dei sarcofagi e che esprimono le storie del nuovo Testamento. 

 

 

Leggi tutto

24 Novembre 2019

Pompei e Santorini: mostra alle Scuderie del Quirinale (posti esauriti)

Per la prima volta varcheranno i confini della Grecia i reperti provenienti dagli scavi di Akrotiri, fiorente città portuale sull’isola di Santorini seppellita da un’eruzione nel 1628 A.C. In questa mostra saranno messi a confronto con alcune delle più emblematiche vestigia di Pompei, travolta da un’identica fine nel 79 d.C., circa 1700 anni dopo. Due città accomunate dalla stessa, repentina fine: la furia di un vulcano.
Il percorso espositivo sarà punteggiato da opere di artisti moderni e contemporanei (tra cui Turner, Renato Guttuso, Andy Warhol e Alberto Burri),  per evidenziare quanto la riscoperta delle città sepolte abbia influenzato gli artisti di ogni epoca.

 

 

Leggi tutto

30 Novembre 2019

Le luci di Salerno e Paestum con biglietto d’ingresso gratuito

 

Anche quest’anno le luci d’Artista renderanno Salerno un luogo fantastico, fiabesco e spettacolare!
Salerno è anche una città dalle origini antiche e non andremo solo per vicoletti alla ricerca delle luminarie più belle: la nostra priorità sarà scoprirne le origini e i tesori nascosti.
Nel complesso di San Pietro a Corte troviamo le tracce di Arechi II re dei Longobardi che per sfuggire a Carlo Magno fece di Salerno la sua nuova corte.
Il Duomo, realizzato sotto il Normanno Roberto il Guiscardo nell’XI sec., che ha ancora il portale fuso nel 1090 a Costantinopoli!
Dopo una ricca colazione a Castellabate piccolo borgo reso celebre dal film “Benvenuti al sud” proseguiremo per Paestum dove uno straordinario Museo e dei templi imponenti ci lasceranno un ricordo indelebile di questi 2 giorni !
 Sabato 30 Novembre : Salerno con le luci
Domenica 1 Dicembre: Paestum con Sara


Details »

Leggi tutto

14 Dicembre 2019

Impressionisti segreti: Mostra a Palazzo Bonaparte

“Impressionisti segreti” è la prima mostra organizzata nel nuovo spazio espositivo ricavato nel grande Palazzo Bonaparte restaurato dalle “Generali”.
Il supporto di Arthemisia, nota organizzatrice di mostre, ci rassicura sulla qualità espositiva.
I nomi sono noti: Monet, Pissarro, Renoir, Caillebotte, Zandomeneghi, Morisot, Gauguin e altri.
Le opere invece pare non siano note: saremo piacevolmente sorpresi da dipinti appartenenti a collezioni private, e quindi poco conosciuti, alcuni sicuramente mai visti!

Leggi tutto

21 Dicembre 2019

Canova in mostra a Palazzo Braschi senza fila

Canova

Canova ha avuto con Roma un rapporto privilegiato.
Attraverso disegni e scritti si ripercorre tutto l’iter nella città eterna: un luogo per lui fonte inesauribile di studio e meditazione.
Una mostra molto ricca suddivisa in 13 sezioni che ci racconta il suo modo di concepire l’antico e ci permette di effettuare il confronto diretto tra le su opere e quelle antiche di riferimento.
Possiamo ammirare un marmo al lume di candela come come usava fare lo stesso Canova quando mostrava le suo opere e ammirare uno dei suoi marmi più straordinari: la Danzatrice con le mani sui fianchi, proveniente da San Pietroburgo.
Collocata al centro di una saletta buia contornata da specchi, gira sulla sua base, come voleva Canova.

 

Leggi tutto

22 Dicembre 2019

L’Abbazia delle Tre Fontane

Abbazia delle tre fontane

L’abbazia delle Tre Fontane è situata sul tracciato dell’antica via Laurentina, in una piccola valle con alberi di eucalipto: un tranquillo e bel giardino che troviamo subito dopo aver oltrepassato l’Arco di Carlo Magno.
La tradizione vuole che il nome derivi dalla testa di San Paolo che dopo essere stata recisa è rimbalzata a terra tre volte, facendo scaturire, nei tre punti di contatto col terreno, altrettante fonti d’acqua: ecco che naturalmente è qui che sorge la chiesa di San Paolo!
L’altra  chiesa, quella dedicata ai Santi Vincenzo e Anastasio, si presenta ancora praticamente intatta dal tempo della sua edificazione nel secolo XII.
Infine la chiesa di Santa Maria Scala Coeli sorge dove S Bernardo nel 1138 ebbe una visione.
Un luogo fantastico che invita alla meditazione ma anche al relax grazie al bar, al verde, ai prodotti naturali in vendita.

Leggi tutto