21 dicembre 2014

Mostra: “da Guercino a Caravaggio” a Palazzo Barberini

Venere-Marte-e-Amore-Guercino

 

Sir Denis Mahon è un nome che ha accompagnato gli studi di tutti coloro che si sono avvicinati al barocco soprattutto quello bolognese: grande studioso e collezionista  ha donato molti suoi dipinti all’Italia. La mostra offre l’immagine di un secolo eccezionale, quando a Roma si concentrano grandi artisti che hanno creato capolavori assoluti.  Potremo ammirare più di 45 opere di Poussin, Guercino, Carracci e Caravaggio, alcune appartenute alla sua collezione, altre provenienti dall’Hermitage Museum di San Pietroburgo e da raccolte pubbliche che generosamente hanno contribuito alla eccezionale ricchezza di questa esposizione. (clicca sulla foto per i dettagli)

.

27 dicembre 2014

I giardini segreti di Villa Medici e la Mostra: Bassifondi del Barocco

bartolomeo_manfredi-bevitori

Nel ‘600 Roma era il centro culturale più vivo d’Europa, il luogo dove tutti gli artisti speravano di approdare. Una città sfavillante fatta di nobili e cardinali che nasconde nei suoi vicoli taverne, luoghi di perdizione, i classici bassifondi. Molti artisti sono attratti da questo mondo , non solo Caravaggio! La Mostra  svela il lato oscuro e volgare di questa Roma barocca abitata dai vizi, dalla miseria e da eccessi di ogni tipo. Più di 50 opere di pittori provenienti da tutta l’Europa testimoniano il gusto per questo mondo da parte dei pittori e il loro coinvolgimento in un modo licenzioso e affascinante

 

27 dicembre 2014

Eccezionale apertura della DOMUS AUREA (solo lista d’attesa)

ITALY GOLDEN PALACE

 Dopo la chiusura nel 2006, la Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma ha completato il Progetto definitivo per il risanamento della parte superiore alla Domus Aurea. Abbiamo l’opportunità di visitare  di nuovo questo meraviglioso Sito con una visita che si articola in quindici tappe che illustrano i progressi del cantiere e rispetto all’apertura del 1999 l’area aperta al pubblico è raddoppiata, consentendo l’accesso all’ala Ovest della Domus, nelle aule del peristilio sempre chiuse nel passato. La visita è riservata solamente a 25 persone ed è a cura del personale interno.
Il sito potrebbe essere chiuso al pubblico su indicazione della Soprintendenza anche il giorno stesso della visita.  Si consiglia  l’utilizzo di scarpe comode e di giacche a vento. (clicca sulla foto per i dettagli)

28 dicembre 2014

Eccezionale apertura della DOMUS AUREA (solo lista d’attesa)

ITALY GOLDEN PALACE

Dopo la chiusura nel 2006, la Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma ha completato il Progetto definitivo per il risanamento della parte superiore alla Domus Aurea. Abbiamo l’opportunità di visitare  di nuovo questo meraviglioso Sito con una visita che si articola in quindici tappe che illustrano i progressi del cantiere e rispetto all’apertura del 1999 l’area aperta al pubblico è raddoppiata, consentendo l’accesso all’ala Ovest della Domus, nelle aule del peristilio sempre chiuse nel passato. La visita è riservata solamente a 25 persone ed è a cura del personale interno.
Il sito potrebbe essere chiuso al pubblico su indicazione della Soprintendenza anche il giorno stesso della visita.  Si consiglia  l’utilizzo di scarpe comode e di giacche a vento. (clicca sulla foto per i dettagli)

 

28 dicembre 2014

A spasso per Presepi

Presepe S Maria in Aracoeli

Ogni  chiesa in questo periodo sfoggia il suo Presepe: grande o piccolo, tradizionale o tecnologico; il Presepe ci trasporta nel mondo fatato dell’infanzia, ci immerge nel  clima natalizio, ci fa assaporare quella che dovrebbe essere la vera essenza di queste feste. Di tradizione prevalentemente italiana, canonizzato da San  Francesco a Greccio dove venne allestita una Natività vivente, il presepe divenne presto un elemento fondamentale nelle rappresentazioni artistiche e dal XV sec. si diffuse l’usanza di collocare nelle chiese grandi statue permanenti.  Nel Seicento il Presepe cominciò a diffondersi anche nelle case dei nobili per diventare un fondamento della tradizione natalizia  proprio per la  sua capacità di trasmettere la fede in modo semplice e diretto.
A Roma non si può prescindere dall’ Ara Coeli dove a Natale la  scultura del Santo Bambino (non più l’originale rubato ma una copia) viene collocata al centro di un  un pittoresco presepe: questo sarà sicuramente l’ inizio… il resto lo scopriremo insieme! (clicca sulla foto per i dettagli)

4 gennaio 2015

Galleria Barberini (con biglietto d’ingresso gratuito)

giuditta

Quello che è oggi la sede del nostro Museo Nazionale d’arte antica nacque nel Seicento per ospitare una delle famiglie più potenti che abbiano mai governato Roma:  i Barberini.
Maffeo Barberini, poi papa Urbano VIII, pensò talmente in grande che la sua dimora privata divenne poi il prototipo per tutte le regge europee e nel grande salone possiamo ancora ammirare il magnifico soffitto affrescato da Pietro da Cortona. Finalmente liberato da vari ingombranti inquilini, il palazzo e le sue collezioni, dopo un attento restauro, sono finalmente visitabili nel loro splendore. Alcuni dipinti tra i tanti: la Fornarina di Raffaello, la Giuditta di Caravaggio, Venere e Adone di Tiziano, il Ritratto di Enrico VIII di Holbein!

11 gennaio 2015

La Roma sotterranea: Ipogeo di via Livenza (permesso speciale per solo 10 persone)

ipogeoVia Livenza

Se si costruisce una Palazzina a Roma ecco che salta fuori un Ipogeo!
Collocato in una zona dove i ritrovamenti sono prettamente cimiteriali spicca per non essere legato all’uso funebre. Completamente affrescato ha suscitato  immediatamente grande interesse.  Sulla datazione gli studiosi concordano, pare  che risalga al IV sec. d. C., sulla funzione invece il dibattito è aperto. La vasca ha fatto pensare ad un luogo di culto dedicato alle acque come quello in cui si riunivano i seguaci della setta mistica che venerava la dea Cotys: durante le cerimonie sacre a carattere orgiastico si praticava un bagno rituale in acqua fredda al fine di provocare lo shock dell’estasi. Una versione molto più prosaica opta per un ninfeo o  una fontana costruiti a protezione di una sorgente sotterranea naturale. (clicca sulla foto per i dettagli)

11 gennaio 2015

Un Presepe e… non solo ai Fori Imperiali: SS. Cosma e Damiano

Durante le feste natalizie oltre all’archeologia, alla storia, all’arte,  lasciamoci abbagliare  dallo sfavillio dei mosaici e dal grande  presepe napoletano che una famiglia di Napoli ha donato alla chiesa dei SS Cosma e Damiano. Situata su via dei Fori imperiali, questa chiesa realizzata nel IV sec. e dedicata ai due fratelli medici Cosma e Damiano, è famosa per il mosaico absidale ma noi andremo a curiosare anche nei sotterranei.

 

 

18 gennaio 2015

La Roma Sotterranea: Insula dell’Ara Coeli (permesso speciale)

insula_dell_ara_coeli

Potremo entrare in una abitazione dell’antica Roma: non vedere solo le fondamenta come spesso accade nei sotterranei ma salire e scendere girovagando per le stanze! Ci aprono l’Insula tra il Vittoriano e la scalinata dell’Ara Coeli: un edificio costituito da almeno cinque piani che mostra ancora oggi a piano terreno le tabernae e al piano superiore l’ abitazione del gestore della taberna. Al di sopra si conservano altri piani, collegati da una scala interna di epoca medioevale. L’edificio venne risparmiato dai lavori di demolizione che interessarono negli anni ’30 tutte le pendici del colle capitolino.

24 gennaio 2015

A casa del Principe…Palazzo Patrizi (permesso speciale)

Patrizi salotto rosso

Nei primi del ‘600 Olimpia Aldobrandini acquista di fronte alla chiesa di S. Luigi dei Francesi un Palazzo che viene ingrandito e trasformato in un Palazzo principesco. Nel 1642 il palazzo fu venduto ai Patrizi, antica famiglia senese stabilitasi a Roma nel secolo precedente. L’edificio resta tuttora l’attuale residenza della omonima famiglia. Ci  viene offerta la possibilità di visitare i Piano Nobile, ovvero la Pinacoteca del Tesoriere così chiamata per la collezione qui raccolta  grazie alla passione e al mecenatismo di due tesorieri del Papa.