13 gennaio 2013 - Inquisizione, roghi e streghe nella Roma della Controriforma

Nella Roma di Beatrice Cenci e Giordano Bruno, dal ghetto a Campo de’ Fiori divampa la sfida al potere da parte di eretici, maghi e streghe. Un itinerario attraverso i luoghi della “diversità” che videro il libero pensiero oscurato dai roghi dell’Inquisizione.

Nessun commento »

Lascia un commento

29 maggio 2016

Casina del Cardinal Bessarione (apertura speciale solo per 15 persone: posti esauriti)

Casina_del_cardinal_bessarione
La Casina,  costituisce un raro esempio di villa rinascimentale extraurbana. Gli arredi e le opere d’epoca di cui è stata dotata, insieme al giardino all’italiana che la circonda, ricreano la suggestiva ambientazione umanistica ispirata al Cardinal Bessarione che pare vi abbia abitato.
Naturalmente siamo in una zona in cui i resti dell’antica Roma non mancano come dimostra parte di un mosaico pavimentale con tessere bianche e nere ed un muro in opus mixtum distinguibile al pianterreno. La fase medievale, è individuabile nella parte sud-ovest, quando l’edificio fu dato in gestione ai fratres cruciferi, per diventare poi monastero di monache benedettine. Una piacevole sorpresa l’avremo al suo interno con con  gli affreschi del salone del piano nobile.

Leggi tutto

5 giugno 2016

Mercati di Traiano (con biglietto d’ingresso gratuito per i residenti a Roma e nell’area metropolitana)

MercatiTraiano

Il nome di Traiano è inscindibilmente legato  alla spettacolare colonna e ai Mercati. E’ all’interno di questi che è stato allestito un museo eccezionale dove si può approfondire  l’aspetto costruttivo ma anche avere una visione globale grazie a spettacolari ricostruzioni e sezioni ricche di reperti che ci illustrano le altre aree dei Fori. Un completamento indispensabile per tutti coloro che hanno effettuato la visita ai fori Imperiali!!

Leggi tutto

5 giugno 2016

Basilica di Santa Maria Antiqua (appena restaurata nel giorno di apertura gratuita)

L

Finalmente riaperta una meraviglia rimasta inesorabilmente chiusa per anni!
Un capolavoro di arte bizantina, il primo edificio cristiano del Foro. Sulle sue pareti  si conserva un’eccezionale raccolta di dipinti murali (circa 250 metri quadri), che vanno dal VI all’ VIII secolo. Sono testimonianze uniche a Roma e nel mondo perchè quasi tutte le pitture di questo periodo in Oriente sono andate distrutte durante l’Iconoclastia.  Definita la “Sistina” dei Fori, ci permetterà di ripercorrere  interi capitoli di storia dell’arte, basti pensare che su una parete sono stati scoperti sette strati sovrapposti di affreschi!

Leggi tutto

11 giugno 2016

Mostra: Correggio e Parmigianino alle Scuderie del Quirinale

Parmigianino

Il Rinascimento evoca due città Firenze e Venezia, subito seguite da Roma dove i grandi artisti del periodo hanno potuto incontrarsi grazie al mecenatismo  papale.
Parma diventò un centro molto attivo dove arrivano le influenze di Bellini, Antonello da Messina, il grande Mantegna ma anche di Leonardo e Raffaello. Maestri assoluti come Correggio  e Parmigianino ma anche gli altri artisti del tempo, hanno contribuito a rendere l’arte parmense non solo estremamente raffinata e di altissimo livello ma anche punto di riferimento e fonte di ispirazione dei “grandi” del Seicento come i Carracci e Guido Reni. sono in mostra capolavori come la “Schiava turca” del Parmigianino e i dipinti a tema mitologico del Correggio

Leggi tutto

12 giugno 2016

Terracina e Sperlonga: il Tempio di Giove Anxur e la Villa di Tiberio

Grotta Tiberio

Il litorale laziale pullula di luoghi eccezionali.
Sul monte S. Angelo che domina Terracina e da cui si gode un panorama stupendo sorge l’antico tempio di Giove Anxur i cui resti mostrano le stratificazioni delle successive epoche costruttive.
Sperlonga,  con le sue case tinte in calce bianca e un dedalo di viuzze, era molto apprezzata già al tempo dei Romani. Per la bellezza del luogo Tiberio decise di costruire qui la sua magnifica villa sfruttando e inglobando le cavità naturali che caratterizzano la zona: le “speluncae” che daranno il nome al futuro borgo. Il Museo è  costruito appositamente per esaltare i gruppi statuari, in alcuni casi dalle dimensioni imponenti:  ma il fulcro è senza ombra di dubbio  la grotta!!

Leggi tutto