3 dicembre 2016

I Sotterranei: Mitreo dell’ara Massima di Ercole (annullata)

mitreo Circo massimo

Il culto del dio Mithra, divinità di origine persiana  è uno dei culti orientali, più diffusi  a Roma dalla fine del I sec. d. C. Il Mitraismo era il concorrente più pericoloso della religione cristiana e ne ha molti aspetti in comune: li scopriremo insieme nella nostra visita, ma non possiamo fare a meno di citare la celebrazione del natale del dio il 25 dicembre ! Il santuario che troviamo al Circo Massimo, particolarmente strutturato conserva anche uno straorinario rilievo su lastra marmorea raffigurante Mitra che uccide il toro.

 

Leggi tutto

4 dicembre 2016

Musei gratis: La Galleria Borghese

Bernini

All’ interno della seicentesca Villa Borghese, immersa nel verde dei suoi giardini, si può ammirare la spettacolare collezione di Scipione Borghese, uno dei collezionisti più determinati della sua epoca. Nei vasti ambienti risplendenti della decorazione settecentesca sono disseminati i capolavori che l’hanno resa famosa: da Raffaello a Tiziano fino alle tele di Caravaggio e le rinomate sculture del Bernini e del Canova.  (attenzione le borse vanno lasciate all’ingresso tutte insieme in un  contenitore unico per tutto il gruppo) 

Leggi tutto

4 dicembre 2016

Musei gratis Centrale Montemartini e carrozze Papali: (ingresso gratuito per i residenti)

I grandiosi ambienti della Centrale con turbine, motori Diesel e la colossale caldaia a vapore costituiscono un suggestivo scenario per marmi antichi  e altri reperti  di particolare importanza.  Il frontone del tempio di Apollo Sosiano e altre grandi sculture vengono esaltate da questi grandi spazi. Una visita veramente particolare:  un connubio affascinante tra contenitore e contenuto. Bellezza e grandiosità della collezione archeologica  a confronto con il  fascino di uno dei primi ambienti industriali romani. Da poco sono stati portati qui i vagoni utilizzati da Papa Pio IX dal 1846 al 1878; il vagone da cui si affacciava per le benedizioni e la sala del trono con piccolo appartamento annesso in cui si può entrare e il vagone con la cappella da ammirare solo dall’esterno. Da non perdere!

 

 

Leggi tutto

4 dicembre 2016

Nuovo allestimento alla GNAM: stupore, disorientamento… anche questa è arte!

154820247-2a1e3b3f-d892-4400-b900-b2d1804a0e24

Il nuovo assetto della Galleria d’arte Moderna è già da alcuni mesi oggetto di tante polemiche.
Con l’inaugurazione della grande mostra Time is Out of Joint, la Galleria Nazionale porta a compimento un grande processo di trasformazione, riorganizzazione e riallestimento che opta per una “mostra-allestimento”, presentando circa cinquecento opere. Il titolo prende spunto dai versi dell’Amleto di William Shakespeare, invitando a una visione “liquida” del tempo, un tempo non lineare, spezzettato e stratificato.
Le linee guida diventano le dicotomie tra gli artisti, le associazioni per assonanze e i contrasti tra le opere in mostra. I salti diacronici proposti creano spiazzamenti visivi nel visitatore. Ottocento e Novecento si confrontano nelle stesse sale in questa nuova visione atemporale dell’allestimento e della fruizione delle opere. Ercole e Lica di Antonio Canova si confronta specchiandosi nel mare di Pino Pascali (32 mq. Di mare circa); i due maestri rappresentativi dell’Ottocento e del Novecento dialogano tra loro uno di fronte all’altro, pur incarnando due assiomi differenti: la ricerca dell’equilibrio “apollineo” come espressione di potenza e forza interiore e l’artificialità della costruzione.
Durante la visita potremo non solo ammirare grandi capolavori di Van Gogh, Duchamp, Kandinskij, Mirò, ma rifletteremo anche sul senso della storia e su come l’arte possa esserne influenzata o meno.

Leggi tutto

8 dicembre 2016

Trevi: “acqua Santa” e “acqua Vergine”

Madonna archetto Trevi

Trevi è Fontana, Trevi è acqua, Trevi è miracolo!
Passeggeremo per questo  rione conosciutissimo ma guardandolo con altri occhi perchè Trevi non è solo “fontana”  e Alessandra ne svelerà gli aspetti meno conosciuti!  Siamo in un Rione ricco di vicoli, Palazzi, chiese che nascondono piccoli gioielli. Oltre alla grandiosa fontana entreremo nella chiesa chiamata “piccola Lourdes” dove l’acqua non fa scenografia ma fa miracoli e termineremo con la più piccola chiesa di Roma, la Madonna dell’Archetto.

 

 

 

Leggi tutto

10 dicembre 2016

Via Margutta…storie di artisti, registi, modelle e Principesse

via-margutta-270

Via Margutta a Roma è famosa e sicuramente nelle nostre passeggiate in centro spesso abbiamo scientemente deciso di percorrerla per l’atmosfera che vi si respira. E’ quella stessa atmosfera proposta dal cortiletto di “vacanze romane”; la stessa che amavano respirare gli artisti che qui erano di casa ogni qualvolta erano di passaggio a Roma.
Era la via cara alla Magnani e Picasso, De Chirico e Fellini. Era il luogo dove Novella Parigini aveva lo Studio: una pittrice esistenzialista, spregiudicata, protagonista di quella “dolce vita” che negli anni 50-60 ha caratterizzato la “Roma bene”. Via Margutta è anche…lo scopriremo insieme!

Leggi tutto

11 dicembre 2016

Coppedè: dove l’arte s’incontra con l’esoterico

Varcando la soglia dal grande arco su via Tagliamento si entra in un’isola incantata dove il tempo sembra essersi fermato e dove  le palazzine dalle fogge particolari ci evocano ricordi di un mondo fatato. Coppedè ci ha lasciato un vero e proprio gioiello urbanistico dove gli elementi floreali del liberty si intersecano con suggestioni di origine spagnola ma anche con una serie di simboli architettonici ed esoterici.

Leggi tutto

17 dicembre 2016

I Palazzi istituzionali: le sale segrete di Palazzo Spada (posti esauriti)

Spada

Visiteremo grazie ad un permesso speciale le sale del piano nobile di Palazzo Spada, precluso al pubblico poichè ospita il Consiglio di Stato.  Al suo interno si nasconde un gioiello artistico che riecheggia la regale Fontainebleau.  Palazzo Spada è uno dei palazzi più belli di questa zona: presenta una facciata ricca di decorazioni in stucco ed è stato modificato secondo il gusto barocco da Borromini. (visita a numero chiuso: per partecipare ci devono pervenire nome, cognome, luogo , data di nascita ed estremi del documento entro Martedì  13 Dicembre) 

Leggi tutto

17 dicembre 2016

Catacombe di Pretestato (permesso speciale della Pontificia Commissione Archeologia Sacra)

praetextatus3

Pretestato, chi era costui?  Non si sa,  forse era il proprietario terriero o forse è da identificare con un toponimo preesistente, forse lo scopriremo ma ciò che conta è che la catacomba è molto bella e significativa.
Si sviluppa  su tre livelli e sono stati  identificati tre nuclei certamente precostantiniani. In seguito i tre nuclei primitivi conobbero fasi di approfondimento e di espansione. Anche qui come in altre catacombe sono stati ricordati diversi Martiri e furono disposte stazioni devozionali sui loro luoghi di sepoltura.
Molto interessanti le pitture presenti: tra queste una scena di incoronazione di Cristo del III secolo, da considerare uno dei più antichi esempi di rappresentazione della Passione e altri affreschi del IV secolo.
La visita è a cura di uno studioso della Pontificia commisione di Archeologia Sacra.
La visita è a numero chiuso (max 15 persone) ed è obbligatorio il prepagamento entro il 9 Dicembre

Leggi tutto

18 dicembre 2016

Artemisia Gentileschi in mostra a Palazzo Braschi

artemisia-gentileschi-roma-mostra

Artemisia Gentileschi, figlia d’arte come il cognome appunto ci racconta, intraprende una carriera che a quel tempo era prettamente maschile.
Frequentando la bottega del padre ha potuto studiare e approfondire quell’esperienza artistica che alle donne era preclusa. Lo stile quindi deve molto a quello del padre e a Caravaggio di cui il padre è amico e che quindi sicuramente conosce personalmente;  il suo linguaggio pittorico però è ricco e articolato e si mostra sensibile anche agli insegnamenti dei Carracci presenti a Roma in questo periodo.
Donna geniale, dal grande talento artistico ma anche indipendente… famoso il processo per stupro che ha intentato contro il pittore Agostino Tassi che si rifiutò di sposarla dopo aver approfittato di lei.

Leggi tutto

6 gennaio 2017

Mostra: Antonio Ligabue al Vittoriano

Ligabue

Nato a Zurigo nel 1889, dopo tormentati e inquieti anni di vagabondaggio incontra  Renato Marino Mazzacurati, artista della Scuola Romana, che ne comprende l’arte genuina e gli insegna l’uso dei colori a olio. La sua pittura con un iniziale componente naïf è stata ricondotta all’Espressionismo e a un post-impressionismo alla van Gogh.  Pittore solitario, aggressivo, malato, secondo una lettura (forse troppo psicoanalitica) dei suoi dipinti esorcizzava la paura della vita tramite la rappresentazione della forza; la lotta per la sopravvivenza degli animali rappresentati è la sua lotta in un mondo che sopraffà e non lo capisce. Si autoritrae in numerose opere cogliendo il tormento e l’amarezza che lo hanno segnato; solo talvolta pare trovare un po’ di serenità nella rappresentazione del lavoro nei campi e degli animali che tanto amava e sentiva fratelli.
(ci richiedono il prepagamento dei biglietti entro il 20 dicembre per cui vi preghiamo di prenotare prima possibile)

Leggi tutto

8 gennaio 2017

Basilica di S. Maria in Aracoeli…”per grazia ricevuta”

Il bellissimo nome deriva da una leggenda… il ricchissimo interno ne fa la chiesa più ambita per i matrimoni.
La semplicità dell’esterno non ci prepara alla preziosità dell’interno dove, dopo lo stupore iniziale, tre le innumerevoli  opere firmate da Donatello, Pietro Cavallini e Benozzo Gozzoli,  possiamo anche ammirare il ciclo delle Storie di San Bernardino eseguito nel 1486 dal Pinturicchio… e naturalmente tutte le leggende e le curiosità  che la rendono ancora più …”leggendaria” !

Leggi tutto